Il bouquet della sposa non è un cestino di ciliegie...

Oggi parliamo del bouquet della sposa, ultimo tocco dopo accessori per capelli e velo, figura centrale nell’immagine dell’outfit del giorno più importante, MA ... come deve essere composto? E come va portato soprattutto? Per il bouquet da sposa esistono due possibilità , può essere coposto da fiori completamente diversi dalle composizioni della chiesa , oppure deve essere perfettamente coordinato.

Io solitamente preferisco la prima opzione, e cerco di comporlo sulla base dell’abito. 

Per abiti stretti è sempre preferibile la forma classica a sfera, per abiti ampi possiamo invece adottare il romantico bouquet calante, a patto che la sposa sia di un altezza superiore a 1,70 cm circa.

Ma attenzione... come va portato? 

Si questo care spose io ci tengo tantissimo, il bouquet ”non è un cestino di ciliegie!” , nel senso che non va portato penzolante o peggio ancora dondolante, come un cestino appunto, ma va tenuto davanti all’ombelico, a metà figura, per slanciare ed esaltare al meglio l’aspetto della protagonista più attesa. Un caro saluto, Annalisa del Vecchio.